By URL
By Username
By MRSS
Enter a URL of an MRSS feed
 
or

http://www.meridiananotizie.it Dove non arriva lo stato arrivano i tombaroli. Curioso è il caso del sito archeologico di Giunone Sospita (la salvatrice) nei pressi del comune di Lanuvio, ai Castelli Romani. Il sito era infatti finora sconosciuto ai mappali della Soprintendenza per i Beni Archeologici del Lazio ma non ai tombaroli che hanno fatto il “prezioso” lavoro di archeologi e studiosi. I ladri di tombe infatti hanno portato alla luce monete, strutture di edifici di età romana, 5 elementi architettonici in marmo e oltre 24mila frammenti di terracotta, il tutto grazie ad una attrezzatura d’avanguardia utilizzata per lo scavo clandestino, ovvero metal detector, apparecchi ricetrasmittenti, vanghe e badili