By URL
By Username
By MRSS
Enter a URL of an MRSS feed
 
or

Sono stati arrestati stanotte dopo 3 mesi di indagini ed appostamenti, i ladri di carburante dai mezzi utilizzati per il raddoppio della SS640. La Compagnia Comando Carabinieri di Canicattì, guidata dal Capitano Menta, ha sgominato la banda composta da diverse persone. In manette sono finiti 3 rumeni domiciliati a Licata sorpresi stanotte con 170 litri di diesel, 6 bidoni da 30 litri pieni, 9 vuoti, un tubo di plastica da 5 metri ed un cacciavite. Si tratta di Marcel Rezmuves, 26 anni; Zoltan Rezmuves, 19 anni e Gabriel Alin Rezmuves di 29 anni. A fermarli dopo un inseguimento iniziato intorno all'1.40 della notte da contrada Comete a Castrofilippo e durato circa 45 minuti, il Comandante della locale Stazione Carabinieri, Maresciallo Angelo Lombardo. Assieme a lui anche il Maresciallo Giuseppe Guadagno. I malviventi approfittando del buio della notte, passavano in rassegna i mezzi in uso alle ditte incaricate al raddoppio della SS640. Con l'ausilio di un cacciavite riuscivano a rompere il tappo della tanica del carburante. Poi con il tubo di gomma prelevavano il liquido che depositavano nei bidoni. Durante le fasi di arresto c'è stato anche un inseguimento ed conflitto a fuoco. I carabinieri hanno acciuffato definitivamente i tre malviventi a bordo di una Peugeot tra il bivio Canicattì Sud e Grottarossa. Con i furti perpetrati in 3 mesi, i ladri hanno danneggiato le ditte interessate al raddoppio, per svariate decine di migliaia di euro.